Apertura del Sinodo diocesano della Chiesa di Padova

Domenica 5 giugno, ore 16.30 - Padova, basilica Cattedrale – le prime foto

Domenica 5 giugno 2022, solennità di Pentecoste, con l’apertura del Sinodo diocesano, la Chiesa di Padova entra in una fase “storica”: per la prima volta dopo il Concilio Vaticano II sosterà, in ascolto dello Spirito, per considerare la strada che ha davanti a sé in questo tempo di grandi cambiamenti e per arrivare a scegliere una visione di Chiesa che sia capace di adeguare l’annuncio del Vangelo al contesto di vita.

La celebrazione di apertura, presieduta dal vescovo Claudio Cipolla, si terrà domenica 5 giugno, a partire dalle ore 16.30, in basilica Cattedrale, a Padova e sarà trasmessa in diretta streaming sul sito della Diocesi di Padova e in diretta televisiva dall’emittente Telechiara, sul canale 17 del digitale terrestre.

La solenne celebrazione di apertura del Sinodo a cui parteciperanno anche le autorità, i rappresentanti di istituzioni civili, religiose e delle altre chiese cristiane, vedrà la presenza dei membri della Segreteria del Sinodo, (che ha accompagnato tutto il lavoro di questo anno di preparazione); della Commissione preparatoria (composta da 60 persone, che hanno individuato i temi che saranno oggetto del Sinodo diocesano) e dell’Assemblea sinodale, (composta da circa 400 persone), che proprio durante la celebrazione si insedierà e con la professione di fede pubblica assumerà, a nome della Chiesa, questo importante compito a servizio del discernimento ecclesiale nel corso del Sinodo diocesano.

La celebrazione sarà inoltre caratterizzata da tre segni: la processione d’ingresso con il libro dei Vangeli; la colletta all’offertorio dedicata a sostenere tre progetti di Caritas diocesana orientati a farsi carico di situazioni di disagio e precarietà; la comunione agli ammalati con l’invio dei ministri straordinari della comunione a partire da questa celebrazione eucaristica.

L’apertura del Sinodo arriva dopo un anno di intenso lavoro di preparazione che ha visto coinvolta la segreteria del Sinodo, la Commissione preparatoria incaricata di individuare i temi che saranno ora materia del Sinodo e oltre 12 mila persone che hanno partecipato attivamente agli spazi di dialogo, producendo più di tremila pagine di relazioni, poi consegnate alla Commissione preparatoria, per il delicato lavoro di discernimento sui temi. Al termine di questo anno di preparazione sono stati individuati 14 temi, suddivisi in tre ambiti: dimensioni trasversali, soggetti, cantieri.

Con l’apertura del Sinodo si entra nel vivo di questo “santo viaggio” la cui conclusione è prevista entro dicembre 2023. Il lavoro del Sinodo diocesano si muoverà sui temi individuati e su alcune prospettive di fondo: la conversione in chiave missionaria di tutta la pastorale; il volto e lo stile fraterno delle nostre parrocchie perché rendano accessibile il Vangelo alle persone; l’inculturazione del Vangelo in un contesto non più visibilmente cristiano nel quale i riferimenti valoriali al messaggio e alla persona di Gesù sono diventati labili.

Il percorso di discernimento che si apre per la Chiesa di Padova sarà accompagnato da un brano evangelico di riferimento – la narrazione delle nozze di Cana del Vangelo di Giovanni (Gv 2, 1-11) – e da un’immagine realizzata dall’illustratrice Elisabetta Benfatto.

 

Omelia del vescovo Claudio