“Quanto ci manca la comunità”. Viaggio nella Diocesi ai tempi del Coronavirus

È una prima domenica di Quaresima insolita quella appena passata. Le indicazioni della Diocesi hanno ribadito nessuna celebrazione, Il Vescovo Claudio ha parlato di un “inizio provocatorio che indebolisce le nostre consolidate tradizioni”. Fra le comunità parrocchiali si percepisce una sensazione di smarrimento, di sconcerto e di insicurezza. ci si sente orfani, ma ci si chiede anche se tanta attenzione, tanti divieti non siano una esagerazione. Ci si chiede perché certe attività possono continuare, mentre le chiese devono rimanere ferme. Si percepisce un senso di fatica, soprattutto fra i fedeli più anziani, legati alle celebrazioni e alla ritualità. Ma la mancanza dell’aspetto comunitario può essere occasione per dare risalto ad una Quaresima più personale più familiare e diventare così occasione per rivalutarne il senso e riappropriarsi del suo significato più vero.

Leggi il servizio della Difesa del popolo