torna all'Home Page Versione Accessibile Home Page Mappa del Sito
Contatti
A-
A+
R
CERCA NEL SITO
Domenica 31 Luglio 2016
 Diocesi di Padova - Organismi di Partecipazione e Comunione - Ufficio di Coordinamento - Anno pastorale 2015 - 2016 - Presentati gli Orientamenti pastorali per l'anno 2015 - 2016 
Sono stati presentati in quattro diverse zone della Diocesi di Padova gli Orientamenti pastorali per l'anno 2015 - 2016 che hanno come titolo "In cerca di perle preziose" (Mt 13,45).
Presentati gli Orientamenti pastorali per l'anno 2015 - 2016   versione testuale
In cerca di perle preziose (Mt 13,45)
 
Dalla PRESENTAZIONE
(Presidenza del Consiglio pastorale diocesano)
 
L’anno pastorale che si apre è segnato da un passaggio importante per la nostra Chiesa diocesana. In questi mesi abbiamo salutato e ringraziato il Vescovo Antonio, che ha concluso il suo servizio di pastore in mezzo a noi. È un’occasione propizia per far memoria di più di 25 anni di cammino diocesano, dove sempre più si è inverato quel volto di “Chiesa sinodale” che ha caratterizzato il ministero episcopale del Vescovo. Da parte nostra restiamo fedeli all’invito a una fervida preghiera, «perché il Signore mandi un pastore che possa guidare la nostra Chiesa locale secondo il Suo cuore».
Il passaggio che si apre, nell’attesa del nuovo Vescovo, non è un tempo sospeso, ma chiede di essere abitato operosamente e di guardare, con simpatia e voglia di osare, le novità che si stanno aprendo nel vissuto pastorale. In particolare quelle riguardanti il nuovo cammino di Iniziazione cristiana dei fanciulli e ragazzi e il discernimento su quanto sta chiedendo il territorio alle nostre comunità.
Gli Orientamenti pastorali, qui presentati, sono un invito a metterci «in cerca di perle preziose».
Non è un punto a capo, perché è lo stesso sguardo che lo scorso anno ha contemplato e goduto di tutto il «bene che c’è tra noi». Un bene che c’è e chiede di “essere consolidato”. Consolidare non significa trattenere per sé o peggio nascondere, ma rendere tale bene davvero solido, perché possa essere condiviso, trafficato, moltiplicato con e per tutti. Diventa stile di una Chiesa che coraggiosamente guarda avanti con fiducia e speranza.
Mettersi «in cerca di perle preziose»  significa anche lasciare le vie note per sperimentarne di nuove, anche con il rischio calcolato di sbagliare al punto di rimanere disorientati e smarriti. Siamo  chiamati a essere una Chiesa estroversa, pronta a ritrovare se stessa fuori da sé: un atteggiamento di fondo da consolidare, come esigenza di testimonianza efficace al Vangelo.
Quanto finora detto vale in particolare se vogliamo cercare perle preziose con le “nuove generazioni”. Solo se sapremo assumere il punto di vista di chi si sta affacciando alla vita, ci lasceremo sorprendere dalla novità di cui sono naturalmente apportatori e riconoscere l’inedita pagina di Vangelo che possono annunciare.
Mettersi «in cerca di perle preziose»  è infine un impellente necessità che si avverte nell’ambito  sociale e politico. È vivere e testimoniare il primato della persona umana, un nuovo umanesimo che renda non negoziabile il rispetto e l’accoglienza di ogni uomo perché immagine di Dio.
Ogni comunità cristiana sia pronta perciò a uscire da sé, perché conscia che non è lei il fine del suo esistere. Una comunità cha sa testimoniare e diffondere la speranza, in un contesto laico di convivenza civile, è un sogno che riguarda tutti e solo nella sua attuazione si edifica il bene comune.
Il nuovo Vescovo trovi la Chiesa di Padova intenta a rendere grazie al Signore del tanto bene che c’è, sollecita nel maturare uno  stile di  comunione e corresponsabilità, decisa a perseverare sulla via del rinnovamento.
 
Il sussidio degli Orientamenti pastorali 2015-2016 è così composto:
 parte introduttiva con alcuni apporti di inquadramento degli Orientamenti pastorali: la parola del Vescovo, la presentazione da parte della Presidenza del Consiglio pastorale diocesano, la Parola di Dio che ci accompagnerà lungo questo anno, l’immagine con il commento;
• prima parte  con gli aspetti principali per comprendere la proposta degli Orientamenti pastorali: le componenti fondamentali, la struttura dell’anno pastorale in due fasi, con i passaggi e gli eventi che le caratterizzano;
seconda parte: con alcuni contributi;
• il calendario diocesano.
 
Anche quest’anno il lavoro più consistente e più creativo spetta alle comunità cristiane, sia a livello di parrocchia e di unità pastorale sia di vicariato.
Gli Uffici diocesani sono impegnati a offrire mediazione e sostegno ai vicariati, alle unità pastorali e alle parrocchie come anche ad accogliere da essi segnalazioni e proposte ulteriori.
  
 In allegato:
- il testo degli Orientamenti pastorali 2015-2016
- il video