Pellegrini per il clima

Sollecitati dalla Laudato Si'. In cammino per trasformare pensieri e stili di vita

I pellegrini per il clima in viaggio da Roma a Katowice (Polonia), dove in dicembre si terrà la conferenza Onu sul cambiamento climatico, transitano anche per il padovano. In questi giorni (22-24 ottobre) sono ospiti di alcune parrocchie del territorio (Borgoforte e Arzerello) e del seminario vescovile a Padova e protagonisti di alcuni appuntamenti di approfondimento. La tappa padovana è iniziata lunedì 22 ottobre con l’arrivo a Borgoforte del gruppo di pellegrini e un momento conviviale e di incontro con la comunità. Durante la serata c’è stato anche il tempo per realizzare a tempo di record un murales che segna il loro passaggio. Martedì 23 ottobre al Santuario del Cristo di Arzerello, alle 19, è previsto un momento di riflessione sul tema “La temperatura dei cuori“, mentre mercoledì 24 ottobre i pellegrini giungono a Padova da Arzerello, per concludere la tappa padovana con un incontro pubblico alle ore 18 in Fondazione Lanza (via Del Seminario 5a a Padova), dal titolo “Testimonianze locali per il clima”. A segnare il passaggio in città ci sarà la piantumazione di due alberi al parco Iris, alle ore 16.

A far da capofila del pellegrinaggio per il clima è Yeb Saño, ex ministro dell’ambiente ed ex negoziatore sui cambiamenti climatici della Repubblica delle Filippine, mentre l’organizzazione della tratta italiana è di Focsiv e Global Catholic Climate Movement.

La presenza in territorio “diocesano”, lungo alcuni tratti della via Annia” è stata possibile e organizzata grazie a Ufficio di Pastorale Sociale, del Lavoro e della Salvaguardia del Creato della Diocesi di Padova, Fondazione Lanza e World Wigwam Circuit in collaborazione di Acli, Aes Ccc onlus, Amici dei popoli onlus, Coldiretti Padova, Fondazione Fontana, Gpds Albignasego, Legambiente, Movimento di volontariato italiano, Oidesh Italia onlus e con in patrocinio del Comune di Padova.

Il pellegrinaggio vuole essere il veicolo, a partire dai territori, dalle realtà sociali e dalle comunità locali, per esprimere un messaggio pacifico di preoccupazione verso gli effetti dei cambiamenti climatici sul futuro delle popolazioni più povere e vulnerabili, dell’umanità e del pianeta affinché le istituzioni, le città, le comunità, le famiglie e le singole persone, possano impegnarsi verso obiettivi più ambiziosi per contenere le emissioni di gas serra entro i 2 °C, a partire dal cambiamento degli stili di vita. Tutto ciò alla luce del messaggio di urgenza e sollecitazione al dialogo e alla conversione ecologica proposto da Papa Francesco con l’enciclica Laudato Si’.

 

Nel video l’intervento di suor Francesca Fiorese, direttrice dell’Ufficio diocesano di Pastorale Sociale, del Lavoro e Salvaguardia del Creato della Diocesi di Padova, in occasione della conferenza stampa in Comune a Padova: il perché di una Chiesa che si interessa al clima.

 

 

In allegato il programma degli incontri con i pellegrini per il clima: Invito PellegriniClima