Auguri di Natale del vescovo Claudio

 

 

 

 

“Nella gioia del battesimo” è lo slogan che caratterizza l’anno pastorale della Chiesa di Padova. Un invito a tornare al cuore della nostra fede, al fonte battesimale per ritrovare il significato profondo del battesimo e cogliere la purezza e la freschezza di un dono che ogni anno si rinnova per ciascuno di noi.

Desidero quindi augurare a tutti voi di vivere “nella gioia” queste festività natalizie. Non una gioia passeggera o talvolta quasi creata artificialmente, ma una gioia che possa sgorgare abbondante dal cuore. Questo è possibile quando riusciamo a vivere il Natale nel suo significato di andare alle sorgenti della nostra fede, della nostra forza, della nostra capacità di essere cristiani in un mondo al quale siamo mandati e a cui dobbiamo voler bene.

Auguro di vivere queste festività come un percorso interiore e profondo alla riscoperta di ciò che veramente sta alla base delle nostre scelte, dei nostri affetti, dei valori che proviamo a vivere ogni giorno, con la libertà e l’autonomia che viene dallo Spirito, così come ci testimonia quotidianamente e con tenacia papa Francesco.

La frenesia, che spesso caratterizza le giornate, le interminabili corse per cercare di stare al passo con i tempi, la velocità con cui veniamo stimolati da tantissimi messaggi, costringono a volte la nostra anima a vivere in maniera superficiale, facendola soffrire.

La vita interiore, invece, ama le cose profonde e belle, richiede spazi e tempi dilatati, è assetata di realtà genuine, libere da agenti inquinanti. Una bella preghiera ci orienta a guardare ai sacramenti, al Vangelo e ai diversi segni che ci rimandano a Dio come spazi nei quali riappropriarci del senso cristiano della vita.

Il Natale ci aiuti a riscoprire come il battesimo può darci oggi un’acqua che ci dona energia per attraversare le nostre giornate, i nostri momenti di serenità e i nostri deserti, avendo davanti agli occhi il senso cristiano della nostra vita.

Buon Natale a tutti, ma in particolare a coloro che si trovano dispersi, che hanno in questo momento un po’ di incertezze, che hanno la sensazione di non avere un orientamento, di non avere una stella alla quale poter guardare.

Buon Natale a tutti!

 

+ Claudio Cipolla, vescovo di Padova